Marketing per studi legali: i consigli per non sbagliare

studio legale

Il mondo dell’avvocatura, come ben sa chi lo frequenta, è caratterizzato da una concorrenza spietata. Se si ha intenzione di spiccare, è imprescindibile fare attenzione al marketing online. Quali sono i migliori consigli da seguire quando si parla di marketing studio legale?

Nelle prossime righe, abbiamo cercato di riassumere alcuni tra i più importanti, sperando di fornirti delle dritte utili per promuovere al meglio il tuo studio sul web (ovviamente in maniera rispettosa del codice deontologico forense).

L’importanza del sito

Il sito è il tuo biglietto da visita, la tua “casa” online. Per renderlo davvero efficace, devi curare diversi aspetti. Innanzitutto è fondamentale l’acquisto di un dominio di primo livello. In questo modo, infatti, darai al tuo brand un’immagine professionale e ne proteggerai il nome (evitando per esempio che un concorrente lo utilizzi al posto tuo).

Un altro consiglio molto importante riguarda l’enfasi sui testi. Chi cerca un avvocato online non è interessato – a meno che non stia gestendo progetto di ricerca – alle tue pubblicazioni. Quello che vuole è capire, in poche parole, se sei in grado di risolvere il suo problema.

Ciò vuol dire che, per essere davvero efficaci i testi dovrebbero avere personalità e, per esempio, essere caratterizzati dalla presenza di dettagli in cui si dà spazio ai motivi che hanno spinto a scegliere la professione legale e alle specifiche sul metodo di lavoro.

Essere presenti su tutti i social? No, grazie!

Quando si parla di marketing efficace per studi legali, è necessario soffermarsi su un aspetto in particolare, ossia la presenza social. Non è necessario presidiare tutte le piattaforme. Molti professionisti e imprenditori – avvocati compresi – quando contattano un professionista del marketing online chiedono di aprire profili su ogni piattaforma disponibile.

Questo è un grave errore. Il criterio da considerare quando si stilano i dettagli della strategia riguarda infatti la qualità e l’attenzione agli obiettivi. Se si ha uno studio di avvocati che propone i propri servizi soprattutto alle imprese, non sempre la presenza su Instagram può risultare utile. In frangenti del genere può risultare più congeniale concentrare il budget e le energie creative su LinkedIn, piattaforma B2B maggiormente in target.

Non trascurare i video

Chi lavora nel mondo del web marketing lo sa: da diverso tempo a questa parte, si parla a ogni inizio gennaio come dell’anno dei video. Di certo c’è che, quando si parla di web marketing efficace, hanno sempre la loro importanza (questo a prescindere dal trend social del momento).

Grazie a un calendario editoriale di video di qualità, uno studio legale può rendere più fruibili i contenuti legali e, soprattutto, lavorare sul branding aziendale e sulla riconoscibilità di chi lo rappresenta.

I video sono un canale molto utile per lavorare sul posizionamento. Per aiutarti a capire un attimo come possano fare la differenza, ti invitiamo a riflettere sull’effetto di un video girato in ufficio, con i libri dei codici dietro, e quello di un video ambientato in un contesto più informale, per esempio uno spazio esterno dove il professionista, camminando, racconta dettagli relativi al suo lavoro.

La regola d’oro!

Per avere successo quando si parla di web marketing per avvocati è bene ricordare una regola d’oro, tanto semplice quanto decisiva. Di cosa si stiamo parlando? Della costanza! Il web non è una miniera d’oro che, una volta aperta, restituisce ricchezza senza sforzi. Bisogna pubblicare con cadenza periodica – ogni profilo o pagina aperta è una promessa fatta al proprio target – e, se i risultati lo richiedono, farsi trovare pronti a rivedere la strategia, muovendosi all’insegna della flessibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.